Il Porto di Augusta

Augusta - Sicilia

Il porto di Augusta

Nel XVII secolo, fermo restando la posizione strategia e militare di Augusta, il suo porto assunse anche la funzione di scalo marittimo mercantile per gli approvvigionamenti organizzati dai Cavalieri di Malta, che costruendo la Ricetta diedero inizio ad una frenetica attività di scambio non solo di merci ma anche di cultura e religione. Il porto megarese arriva così al XX secolo, la guerra Italo-Turca svegliò gli interessi del Regno d'Italia per Augusta ed il suo porto; fu da qui che partì la spedizione per la Libia. Il grande numero di Navi Militari che transitavano, stazionavano, e si rifornivano, dette grande impulso alla economia della città. Cessata la guerra nel 1912, l'affluenza delle navi nel porto diminuirono. Nel ventennio fascista, tra gli anni '20 e '30 furono costruite le tre dighe che delimitarono il porto megarese, questa opera fu considerata grandiosa, considerando i mezzi dell'epoca e i profondi fondali da colmare per l'innalzamento della diga. Nel periodo della seconda guerra mondiale, il poto di Augusta assolse egregiamente il compito di base aeronavale, per questo motivo fu considerato un bersaglio sensibile e quindi subii pesanti bombardamenti. Non mettendo in discussione l'importanza militare del porto megarese, bisogna arrivare metà degli anni '50 affinché si dato inizio al un traffico mercantile di rilievo. Questo grande bacino con le sue canoni caratteristici ha suscitato interesse verso di alcuni importanti industriali che diedero inizio alla costruzione di siti per la raffinazione del petrolio. Agli impianti facevano capo due grossi pontili per l'ormeggio delle navi mercantili che effettuavano le operazioni di scarico e carico del prodotto. Oggi, per la struttura e l'organizzazione del porto commerciale megarese auspichiamo una attività commerciale copiosa con tutti i porti del mondo.


A cura della Redazione. | Tutti i diritti sono riservati |

PORTO DI AUGUSTA


Coordinate 37°12'79" N. - 15°12'30" E.
L
a rada megarese possiede particolari caratteristiche geofisiche quali l’immenso specchio acqueo, la profondità dei fondali, l’assenza di risacca e risulta protetta dai venti e dalle colline che la circondano. Tutti questi requisiti hanno permesso al porto siracusano di svolgere un ruolo importante nel Mediterraneo in campo militare, mercantile, industriale consentendo una convivenza pacifica tra le diverse attività.
Nel porto di Augusta convivono diverse funzioni:
-
    
Militare;
-
     Industriale;
-
     Commerciale.
L’esercizio di queste non ha determinato specifici problemi di incompatibilità grazie alle grandi opportunità che offrono gli ampi spazi del porto.

[ A cura del Dr. Alberto Fazio ]