Monumenti Città di Augusta

Augusta - Sicilia

Opere storiche della Città - Introduzione - Pubblicata nel Marzo 2008


I monumenti sono parte stabile della memoria di un paese a ricordo delle imprese e dei comportamenti di una civiltà nel corso della loro storia.


I monumenti di Augusta testimoniano il percorso della vita cittadina nel corso dei secoli e sono testimonianza delle varie invasioni e domini del territorio. Iniziando dai Greci che fondarono la colonia di Megara Iblea creando sul litorale ovest del porto il loro insediamento si giunse alla fondazione di Augusta e al "Privilegio" territorio assegnato alla Città da parte di Federico II di Svevia che ne fu il fondatore, la cui testimonianza è il Castello Svevo. L’asportazione dell’istmo trasformò la penisola in isola, la fortificazione con la cinta muraria della città da parte degli Aragonesi circondava e chiudeva il centro abitato lasciando come accesso due porte, a Sud la Porta di Terravecchia (detta porta di mare) e a Nord la Porta Spagnola (detta porta di terra), quest'ultima era collegata alla terra ferma attraverso due ponti levatoi, con battenti ai tre Rivellini. Quando gli Spagnoli estesero il loro dominio alla città, sia per le frequenti scorribande dei Turchi che portarono alla città saccheggi e morte, sia per la difesa del porto edificarono la Fortezza-Lanterna Torre Avalos, i Forti Garçia e Victoria e per un fiorente commercio gestirono con profitto la Ricetta di Malta. Non solo i Turchi avevano preso di mira la città per la sua importanza ma l’interesse per questo luogo e soprattutto per il porto, per ciò che offriva e per la sua posizione strategica militare-commerciale indussero i Francesi alla conquista di Augusta riuscendo a cacciare gli Spagnoli e a conquistare la Città e la Piazza d'Armi. In tempi successivi, sempre per la posizione strategica di Augusta, i Borboni conquistano la Città, la gestirono imponendo Leggi e impartendo tasse i cui ricavati servivano al loro sostentamento nel territorio fin quando, il 14 Ottobre 1860, furono cacciati dagli augustani in seguito all’unificazione d’Italia. Dopo qualche secolo la Regia Forza Aerea decise di costruire nel territorio di Augusta un Hangar per dirigibili, una grande costruzione come base dei dirigibili O.S. da 5.000 mc, la cui attività operativa era la ricerca e segnalazione degli U-Boat (sommergibili tedeschi) nel sud del mediterraneo. Nel 1926 fu costruito dalla Regia Aeronautica Militare l’Idroscalo per gli idrovolanti di ricognizione e di combattimento. Agli albori della seconda Guerra Mondiale fu potenziata la Base Militare con l'ampliamento del Regio Comando Marina, la costruzione del Regio Arsenale Militare, la realizzazione di siti con Batterie antiaeree e antinave e la sistemazione delle banchine di attracco per le Unità Navali. Fanno parte dei monumenti storici alcuni palazzi della Città con architettura barocca-spagnola, di cui uno recentemente divenuto Monumento Nazionale, che hanno una storia silenziosa e composta nei ranghi delle famiglie nobiliari.

Apri Lista dei Monumenti per scegliere il monumento


Dizionario: "Monumento"
Opera, di scultura o di architettura, che serve
a ricordare un personaggio o un avvenimento
di importanza notevole per le arti, la storia,
la letteratura di un paese o di una civiltà.





La Redazione