Augusta: Boac Compagnia Aerea Trasporti 1945-1950

Inserto

Inserto pubblicato nel Novembre del 2010 dalla Redazione.


Nel dopoguerra, si sa, la vita non è stata affatto facile per nessuno, soprattutto in un paese vinto come il nostro. Il sud d’Italia, già povero di suo rispetto al nord, ha visto la popolazione civile ridotta alla fame per la totale assenza di lavoro e delle più elementari risorse per la sopravvivenza.





La Compagnia Aerea Boac istituita nel Febbraio del 1945 per il trasporto di militari e civili, grazie a potenti e moderni Idrovolanti, assicurava il collegamento tra la Gran Bretagna con i paesi dell’estremo Oriente, con l’Australia e con l’Europa liberata. In questa ultima area geografica gli aerei facevano scalo d'appoggio sia in Francia (Marsiglia) che in Italia (Augusta). Nel luglio del 1945, l’insediamento ufficiale ad Augusta della Compagnia di trasporti inglese BOAC (British Overseas Airwais Corporation) fece sì che circa trecento augustani trovassero un lavoro per il sostentamento delle loro famiglie; marinai, motoscafisti, motoristi, cuochi e semplici camerieri furono così assunti con le citate mansioni per dare assistenza ai mezzi e comfort ai passeggeri ed equipaggi aviatori in transito, una davvero felice circostanza che alleviò non poco la profonda crisi economica in atto. La Compagnia Boac rilevò la struttura inglese che veniva usata dalla RAF al termine del conflitto. Nella nostra cittadina la Boac poteva sfruttare l’ampia rada per l'ammaraggio e il decollo dei suoi aerei, oltre agli impianti forniti dal Comando Marina nel comprensorio di Terravecchia. La biglietteria e la sala d'aspetto in un primo momento furono collocate in una casa a piano terra del Viale Risorgimento, poi trasferita, nel 1946, presso la Capitaneria di Porto, occupando i locali della Caserma Vandone (Palazzina Ufficiali), dove erano disponibili alloggi, uffici e salone d'attesa per i viaggiatori; lato mare usufruiva delle banchine per l’attracco dei mezzi d'appoggio agli Aerei Idrovolanti. Dopo qualche anno però, i rapporti tra i dipendenti e la Compagnia si guastarono a causa di alcuni scioperi operati dal personale in relazione al salario ed all'’orario di lavoro, vi era il timore infatti che dietro tali richieste si celasse in realtà una riduzione di personale con relativi licenziamenti. Il conflitto tra dipendenti e datori di lavoro divise anche i cittadini; alcuni solidali con gli scioperanti, altri verso la Compagnia Inglese. Le proteste coinvolsero anche il Governo Nazionale, preoccupato che tali azioni potessero incrinare i legami di amicizia faticosamente instaurati con i britannici, soprattutto dopo l’adesione del nostro paese al Patto Atlantico. Inglesi ed Americani erano adesso degli alleati, non più dei nemici. Occorre inoltre segnalare che l’Italia godeva dei privilegi e degli aiuti del piano Marshall, di cui aveva ancora estrema necessità. La situazione, con buona pace di tutti, venne risolta considerando gli scioperanti in “licenza straordinaria”, e venne elargito loro il 60% della paga a fronte delle assenze e il lavoro riprese lentamente. Un anno dopo però la Compagnia BOAC lasciò definitivamente Augusta per non ritornarci più.

________
Il nome delle Palazzine (un po’ di storia)
Il 25 agosto del 1925 mollò gli ormeggi dalla base navale di Augusta, per esercitazione, il Regio Sommergibile Sebastiano Veniero al cui comando vi era il Capitano di Fregata Paolo Vandone. Il battello, con a bordo 36 uomini, giunto a largo di Porto Palo di Capo Passero (Sicilia) stava effettuando manovre per esercitazione quando fu speronato dal mercantile "Capena", affondando e adagiandosi su un fondale di 55 m. La sua identificazione si ebbe solo nel 1993 grazie all'immersione del subacqueo Enzo Majorca. Nel 1935 furono edificate vicino alla zona portuale, nel comprensorio militare, due palazzine con funzione di circoli e foresterie per Ufficiale e Sottufficiali della Marina Militare Italiana che presero il nome di " Vandone", in onore del comandante del Regio Sommergibile Sebastiano Veniero. La palazzina Ufficiali dal 1945 al 1950 ha ospitato gli uffici della compagnia aerea inglese BOAC. Le Palazzine sono state da recente restaurate e svolgono la funzione di foresteria e circolo per i militari e le loro famiglie.



Regio Sommergibile S. Veniero. (Immagine archivio storico della Marina Militare IT.)




A cura di Francesco Carriglio - cfr. Quarant'anni due Idroscali - Nuova storia di Augusta.